Categorie
oggi mi gira così

l’alba in un giorno d’autunno vista da Gabriarte

Il cielo ha aperto i suoi occhi azzurri ancora assonnati. Non solo io, mi specchio tuffandomi in quel sordo  silenzio ma, storni di uccelli svaniscono,  quando lui guarda il mare. Rimango immobile  ad osservare  la sua grande pupilla che, dilatandosi acceca e  mi impedisce di fuggire .Solo allora mi accorgo che ho perso il tempo.

Di gabriarte

non obbligo i miei nemici a frequentarmi.Non mi obbligate a frequentare voi che fingete di non esserlo

7 risposte su “l’alba in un giorno d’autunno vista da Gabriarte”

dopo tantissimi anni una dolce insegnante mi scrive: sai emozionare. L’emozione la provo io con questa tua risposta. quando ero alle elementari scrivevo i miei pensieri ma le mie insegnanti mi castigavano facendomi deridere dai compagni e sgridandomi. Ho talmente sofferto quella condizione che ho pensato di non raccontare più a nessuno le mie emozioni e forse è in quel momento che è nata la mia passione per il disegno. Ciao grazie tu sei un ottima insegnante

"Mi piace"

Ciao, Gabry. Esprimere le proprie emozioni come hai fatto tu non può mai essere considerata una perdita di tempo. “ili6” che tu definisci “ottima insegnante”, ed è evidente che lo è, te lo ha testimoniato prima di me.
Buon pomeriggio.

"Mi piace"

vedi ,Gabriella, che ho ragione quando dico della grande responsabilità che abbiamo noi insegnanti sin dalla scuola materna? Non è la responsabilità di svolgere appieno il programma o di far sì che tutti diventino bravi con le divisioni o con gli accenti, Non mi riferisco a questo quando parlo di responsabilità. Sono certamente aspetti importanti, ma a certe lacune si potrà sempre riparare in seguito: la grande responsabilità di ogni docente è nel sapersi porre verso ogni alunno e nel non spegnere nessuna naturale inclinazione, deridendo e beffeggiando, ma valorizzare ogni aspetto della personalità e delle potenzialità di ciascun bambino, anche quelle nascoste che pur ci sono e che aspettano solo che qualcuno ti porga un dito per diventare evidenti.E’ questa la grande responsabilità di ogni insegnante ed anche di un genitore. La tua maestra ha sbagliato, ma perdoniamola perchè ogni essere umano può sbagliare. Questo (grave) errore, che ti ha fatto giustamente soffrire, ha permesso che tu incanalassi la creatività verso il lato estetico, con pennelli e colori. Continua, ma continua anche a scrivere e a manifestare le tue emozioni e la tua sensibilità nelle forme che ritieni più idonee perchè ne sei tanto ricca dentro.
smack 🙂

"Mi piace"

Ti ringrazio . Ho superato quel brutto periodo che però mi è rimasto dentro come una ferita.Per questo ti ho parlato e tu hai inteso.A volte incosciamente un adulto può cancellare, con un cattivo comportamento la potenzialità di un bambino, annullare la sua creatività per questo voi insegnanti avete una responsabilità enorme e oggi si rischia per colpa di uno stato che non aiuta la scuola pubblica di emarginare quei bambini che hanno queste potenzialità. Ciao grazie

"Mi piace"

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.