quando i piccoli volano dal nido

Si è sposato l’amico di mio figlio, e lui gli ha fatto da testimone. L’emozione è stata intensa perchè è come vederli volare per la prima volta dal nido

Annunci

Informazioni su gabriarte

non obbligo i miei nemici a frequentarmi.Non mi obbligate a frequentare voi che fingete di non esserlo
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

7 risposte a quando i piccoli volano dal nido

  1. arielisolabella ha detto:

    come ti capisco caraa!!! sembra ieri!!

    Mi piace

  2. ili6 ha detto:

    ehhhh…maggio mese degli sposi!! E allora auguri anche a questi nuovi sposi, che la loro vita insieme possa essere sempre accompagnata da dolce musica 🙂
    Ti sei emozionata tu e chissà quanto si è emozionato tuo figlio nel vedere il suo amico lasciare il nido per volare verso un altro nido.
    Crescono questi passerotti…
    ciao, ti abbraccio 🙂

    Mi piace

  3. gabriarte ha detto:

    credimi mi ha fatto impazzire sembrava lui a sposare ciaoooo buon fine settimana

    Mi piace

  4. barbatustirolese ha detto:

    Lasciate che i “piccoli” volino con sicurezza ed autonomia lontani dal nido che non dimenticheranno mai sicuramente perchè proprio lì hanno imparato a volare ricevendo amorevoli cure!
    Ciao, Gabry. Buon We!

    Mi piace

  5. Harielle ha detto:

    Come ti capisco: i figli, questi piccoli esseri cui abbiamo donato la vita, piano piano crescono e si staccano da noi. Sta capitando anche a me, con una figlia che da teenager sta diventando donnina. E allora leggo a te, come a me, questi versi importanti di Gibran, che, come sempre, contengono un balsamo per ogni ferita. Un abbraccio, cara Gabry.

    E una donna che aveva al petto un bambino disse: Parlaci dei Figli.
    I vostri figli non sono i vostri figli.

    Sono i figli e le figlie della brama che la Vita ha di sé.

    Essi non provengono da voi, ma per tramite vostro,

    E benché stiano con voi non vi appartengono.

    Potete dar loro il vostro amore ma non i vostri pensieri,

    Perché essi hanno i propri pensieri.

    Potete alloggiare i loro corpi ma non le loro anime,

    Perché le loro anime abitano nella casa del domani, che voi non potete visitare, neppure in sogno.

    Potete sforzarvi d’essere simili a loro, ma non cercate di renderli simili a voi.

    Perché la vita non procede a ritroso e non perde tempo con ieri.

    Voi siete gli archi dai quali i vostri figli sono lanciati come frecce viventi.

    L’Arciere vede il bersaglio sul sentiero dell’infinito,

    e con la Sua forza vi tende affinché le Sue frecce vadano rapide e lontane.

    Fatevi tendere con gioia dalla mano dell’Arciere;

    Perché se Egli ama la freccia che vola, ama ugualmente l’arco che sta saldo.

    KAHLIL GIBRAN, IL PROFETA

    Mi piace

  6. Harielle ha detto:

    Come ti capisco: i figli, questi piccoli esseri cui abbiamo donato la vita, piano piano crescono e si staccano da noi. Sta capitando anche a me, con una figlia che da teenager sta diventando donnina. E allora leggo a te, come a me, questi versi importanti di Gibran, che, come sempre, contengono un balsamo per ogni ferita. Un abbraccio, cara Gabry.

    E una donna che aveva al petto un bambino disse: Parlaci dei Figli.
    I vostri figli non sono i vostri figli.

    Sono i figli e le figlie della brama che la Vita ha di sé.

    Essi non provengono da voi, ma per tramite vostro,

    E benché stiano con voi non vi appartengono.

    Potete dar loro il vostro amore ma non i vostri pensieri,

    Perché essi hanno i propri pensieri.

    Potete alloggiare i loro corpi ma non le loro anime,

    Perché le loro anime abitano nella casa del domani, che voi non potete visitare, neppure in sogno.

    Potete sforzarvi d’essere simili a loro, ma non cercate di renderli simili a voi.

    Perché la vita non procede a ritroso e non perde tempo con ieri.

    Voi siete gli archi dai quali i vostri figli sono lanciati come frecce viventi.

    L’Arciere vede il bersaglio sul sentiero dell’infinito,

    e con la Sua forza vi tende affinché le Sue frecce vadano rapide e lontane.

    Fatevi tendere con gioia dalla mano dell’Arciere;

    Perché se Egli ama la freccia che vola, ama ugualmente l’arco che sta saldo.

    KAHLIL GIBRAN, IL PROFETA

    Mi piace

  7. gabriarte ha detto:

    Grazie harielle bellissima e saggia questa dedica un abbraccio a te dolcissima donna

    Mi piace

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...